Ginnastica Posturale

La Ginnastica Posturale prende spunto sia dallo Yoga che dal Pilates, anche questa attività punta all’elasticità e alla tonificazione muscolare alla coordinazione, alla maggiore consapevolezza del sé e all’apprendimento delle posizioni corrette da assumere.

Si parla dunque di riequilibrio posturale atto a ridare al corpo armonia e libertà di movimento.

Va da semplici esercizi fino ad utilizzare metodiche ben precise in base al problema del soggetto, sia esso un paramorfismo, un dismorfismo o un problema algico.

È rivolta a tutti coloro i quali presentano algie diffuse di vario genere, squilibri posturali, o coloro i quali hanno subito traumi severi.

La Ginnastica Posturale serve come tecnica riabilitativa quando si evidenziano determinati problemi alla colonna vertebrale e alla postura(ossia la posizione che il corpo deve assumere quotidianamente), dovuti sia alla sedentarietà che ad interventi chirurgici. In particolare, è consigliata in caso di debolezza o rigidità muscolare che determinano problemi alla colonna vertebrale o, ancora, in seguito a protesi d’anca, distorsioni curate male, operazioni al menisco.

Con la Ginnastica Posturale è possibile agire su:

  • elasticità muscolare e mobilità articolare, per mezzo di specifiche tecniche di allungamento muscolare (sia distrettuale che globale) e mobilizzazioni articolari in grado di prevenire ed eliminare retrazioni muscolari e contratture, così come di preservare l’integrità articolare e connettivale;
  • forza e resistenza, tramite esercizi finalizzati al rinforzo muscolare e al training cardio-respiratorio;
  • abilità motorie, attraverso specifiche tecniche di rieducazione neuromuscolare e schemi motori sempre più articolati;
  • rieducazione respiratoria, indispensabile per il benessere dell’organismo;
  • capacità di concentrazione, auto-rilassamento, gestione dello stress;
  • postura, movimento ed equilibrio.

Con la Ginnastica Posturale è, quindi, possibile curare e prevenire attraverso lo stretching della schiena, i più comuni disagi muscolo-scheletrici (lombalgie, sciatalgie, mal di schiena, cervicale, scoliosi, artrosi, osteoporosi), circolatori (varici, stasi venose, ipertensione, ipotensione), organici (alterazione del neurovegetativo, insonnia, indebolimento del sistema immunitario, problematiche gastroenteriche) e psichici (stress, depressione, difficoltà di concentrazione e di memoria, attacchi di panico, ansia).

Scegli il giorno e l'ora

Prova la tua lezione